Spot yourself

Aggiornamento del 27 Marzo 2013: grazie al commento di Andrea segnalo che la pagina Spotted del Primo Levi di Seregno è stata eliminata. RIP.

Aggiornamento del 22 Marzo 2013: ho deciso di censurare i nomi riportati nei messaggi che cito, non aggiungono nulla e la loro mancanza non toglie nulla all’articolo. Rimangono i link ai messaggi originali in modo che il lettore possa verificare quanto ho scritto.

Grazie alla segnalazione di una persona che lavora presso l’Istituto Primo Levi di Seregno, scopro pochi giorni fa Spotted e la relativa pagina di quell’istituto.

Trovo noiosi questi cosi e molto più che noiose le robe che vi si leggono, ma sono curioso come una biscia e sono andato a sbirciare per capire cos’è e come funziona.

Cos’è Spotted

È una applicazione Facebook che qualsiasi utente iscritto può utilizzare per aprire una pagina web, una bacheca virtuale, sulla quale altri utenti Facebook possono chiedere venga pubblicato un loro messaggio.

La bacheca Spotted presenta – oltre ai messaggi pubblicati in ordine cronologico – un apposito riquadro nel quale qualsiasi utente può scrivere il proprio messaggio e inviarlo per la pubblicazione: se uno dei moderatori della pagina approva il messaggio, questo viene pubblicato in forma anonima.

Il regolamento

Ciascun messaggio deve essere approvato da uno dei moderatori e i criteri per accettare o respingere il messaggio sono specificati nel regolamento della pagina: quello della pagina Spotted del Primo Levi di Seregno recita:

Le pagine SPOTTED sono delle bacheche per segnalare e rendere pubbliche dichiarazioni d’amore, colpi di fulmine o magari per esprimere astio verso un vicino di banco fastidioso. SCRIVICI UN MESSAGGIO E SARÁ POSTATO IN BACHECA IN MODO DEL TUTTO ANONIMO:)

e ancora:

1. Inviate per posta SOLO ed ESCLUSIVAMENTE messaggi che richiedono ANONIMATO (ovviamente potrete firmarvi, ma non con il vostro vero nome!).

[OMISSIS]

5. Messaggi altamente OFFENSIVI, ovviamente, non saranno oggetto di pubblicazione.

Leggendo a campione pagine Spotted trovate su Internet il senso è sempre quello: lo scopo è quello di flirtare o di esprimere giudizi poco lusinghieri, purché venga rispettato l’anonimato sia del mittente che – aggiungo io anche se non è scritto esattamente con queste parole – del destinatario del messaggio.

Il senso insomma dovrebbe essere che le persone a cui ci si riferisce siano vagamente riconoscibili dai frequentatori della scuola – o di qualsiasi altro luogo oggetto della pagina Spotted – ma perfettamente ignoti al resto del mondo che non bazzica di persona l’ambiente, tipo:

“alle ragazze del secondo piano:si potete anche tirarvela un po di meno visto che la figa non ce l avete d oro :’)”

Pareti dei cessi, virtuali

A leggere interventi stile quello citato sopra mi vengono in mente certe scritte col pennarello indelebile che leggevo sulle pareti dei cessi della scuola che frequentavo.

La differenza è che per leggere certe perle di saggezza occorreva entrarci in quei cessi, e il ricordo di quelle frasi o l’eventuale risatina divertita – per quelle che meritavano – durava il tempo di un bisognino.

Altro che le pareti dei cessi

Le pagine Spotted, invece, sono bacheche pubblicate su Internet con migliaia di potenziali visitatori: in qualsiasi motore di ricerca basta scrivere “Spotted” seguito dal nome di un istituto (università, biblioteca, ecc.) e dalla città, per vedere se esiste tale pagina.

Altro che scritte sulle pareti dei cessi quindi: è come se quei messaggi fossero scritti su una bacheca della scuola e quella bacheca esposta al pubblico di fianco all’ingresso principale, una bacheca con uno spazio virtualmente illimitato per giunta, per un tempo virtualmente illimitato.

Censurare Spotted: mai!

Ovviamente non c’è nulla di male in tutto questo: lungi da me voler fare il trombone e scandalizzarmi per un po’ di sana libidine o liberatoria volgarità orgogliosamente ostentata a tout le monde via Internet.

Considero anche questa libertà di espressione – anche se di cattivo gusto – e mi batterò sempre e ad ogni costo affinché nulla su Internet sia censurato da qualsivoglia autorità, fermo restando che:

  1. una sana autocensura migliora l’ambiente che ci circonda
  2. sono sempre applicabili le leggi penali e civili in merito a diffamazione, vilipendio e reati analoghi (modulo regimi autoritari oppressivi, ma non è questo il caso)

Peccato che

Peccato che la pagina Spotted del Primo Levi di Seregno sia piena di cognomi di professori. E non solo per far loro i compimenti (anzi di complimenti non ne trovo proprio) ma per messaggi tipo:

Big up alla [omissis] che ha finalmente capito di levarsi dai coglioni. Un saluto dalle tue ex alunne di 1B

o ancora

Ma sta [omissis] di merda non poteva sbatterla più forte la testa ???? Ma almeno si facesse meno lampade che oltre a sembrare un travione lampadato le fanno male alla testa !

e

Seriamente ragazzi, troviamo una qualsiasi fonte di piacere per la [omissis]!

Avviso: nel caso qualcuno facesse sparire i messaggi, ho una copia della pagina aggiornata ad oggi (siete su Internet, bellezze).

Chissà con quale criterio gli amministratori di quella pagina lasciano passare i cognomi dei professori mentre – immagino io – bloccano o cancellano i nomi dei loro compagni: secondo me proprio non si rendono conto di quello che fanno.

Inconsapevolezza allo sbaraglio

Altro che anonimato: la cosa che mi fa letteralmente scompisciare dalle risate è che tutti i “Like” e i commenti lasciati in bacheca sono associati ai relativi profili Facebook, che quasi sempre corrispondono a un nome e cognome (dell’alunno?): ho il sospetto che anche quelle persone non si rendano conto di quello che fanno.

Per essere precisi: i nomi di chi inserisce commenti sono visibili anche ai non iscritti a Facebook, mentre i nomi di coloro a cui piace il messaggio sono visibili solo a chi è iscritto a Facebook… solo a qualche milione di utenti insomma.

Così capita di leggere messaggi tipo questo:

“chi conosce un buon psicanalista per la nostra odiata [omissis] ??! …
(voglio fumare in pace )”

con sotto i nomi e cognomi di 41 persone – tutti alunni di quella professoressa? – a cui piace quel messaggio; oppure peggio:

“portiamo dei calmanti alla [omissis] che è un po’ sclerata in questi mesi”

[omissis]

Nome e Cognome: Se le servirebbe davvero, le pagherei il gigolò! Almeno si calma sta sclerata.

Ho pensato a lungo se pubblicare o meno il nome e cognome di chi ha fatto quel commento:  ho deciso che se volete potete verificarlo voi stessi.

“Se le servirebbe davvero”… chissà se è un refuso o “se i congiuntivi le servirebbero imparati meglio”.

Spot yourself

To spot significa letteralmente

to see or notice someone or something, usually because you are looking hard

da cui il nome delle bacheche “Spotted”: ti ho notato, ho cognizione che tu ci sei (e ti esprimo il mio pensiero).

Ecco ragazzi, anche io vi ho notati – d’altronde come illustrato vi esprimete pubblicamente – e mi sono preso la libertà di esprimervi il mio pensiero in modo forse un po’ troppo articolato rispetto al vostro standard.

Ne approfitto e colgo qui l’occasione per invitare i moderatori e gli utilizzatori di tutte le bacheche Spotted – e di strumenti analoghi di comunicazione – a un minimo di introspezione: please spot yourself.

Forse cercandovi noterete che le regole che vi siete dati rappresentato una decente – seppur minimale – Netiquette che aiuta a vivere meglio la propria ed altrui esistenza digitale.

Forse vi renderete conto che l’analfabetismo digitale nuoce gravemente alla vostra esistenza digitale e a quella di tutti coloro che vi circondano, purtroppo anche a coloro che un’esistenza digitale non ce l’hanno per scelta o per impossibilità; e in alcuni casi potreste farvi male o peggio fare male ad altri.

Se lo sforzo fosse per voi eccessivo potreste sempre decidere di tornare a scrivere sulle pareti dei cessi.

Annunci

Informazioni su Giovanni Biscuolo

a critical mind free software advocate (et al), hacking every form of human knowledge. desperately trying to fight against it's own ignorance
Questa voce è stata pubblicata in Analfabetismo, Privacy e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Spot yourself

  1. Andrea Trentini ha detto:

    hanno rimosso la pagina…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...