Disobbedienza civile tecnologica

Un veloce spunto di discussione, spero.

Immaginiamo per un attimo che esista una tecnologia che renda impossibile per il cittadino violare una qualche legge particolare. Ad esempio un sistema che renda tecnicamente  impossibile l’evasione delle tasse o la diffusione non autorizzata di materiale copyrighted.

Come accogliereste questa “innovazione”?

Sappiate che non siamo molto lontani dalla realizzazione di tali sistemi.

Io combatterei con tutte le mie forze contro tali sistemi, sia perché il cittadino (sempre secondo me) ha diritto alla disobbedienza civile (http://it.wikipedia.org/wiki/Disobbedienza_civile) sia perché se una legge non può non essere rispettata… non è una legge (Filosofia del Diritto? Anyone?).

Le “tecnologie” a cui sto pensando sono:

Ma credo ci siano altri esempi eclatanti…

A voi il flame!

Annunci

Informazioni su Andrea Trentini

http://atrent.it
Questa voce è stata pubblicata in Spunti e Stimoli. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Disobbedienza civile tecnologica

  1. Piso ha detto:

    Io farei volentieri a meno del contante,e della possibilità di evadere le tasse. Sempre che questo non sfoci in una riduzione della privacy: quello che compro non deve essere interesse di nessuno tranne che mio. D’altronde l’essenza dei due esempi mi pare differente a partire proprio dalla loro disobbedienza.

    Leggo infatti proprio nell’articolo di wikipedia che la Disobbedienza Civile ” è una violazione che si svolge pubblicamente, in modo da rendere evidenti a tutti e immediatamente operative le sanzioni previste dalla legge stessa”

    Ebbene, credo che questa definizione si possa applicare solamente al secondo degli esempi esposti, in quanto vi è un filo conduttore “ideologico” che possa motivare la disobbedienza.

    Chi non paga le tasse non lo fa ad alta voce, ma pratica una “disobbedienza” silenziosa e sorniona, non derivata da un’idea, ma dal tornaconto. Non è una protesta, ma semplicemente lo sfruttare la mancanza di una qualche certezza della pena.

    Anche se si andasse incontro a una pena sicura, avremmo comunque persone che si battono per la rimozione dei DRM.
    Per quanto riguarda le tasse, dal momento che non fosse più conveniente evaderle, nessuno sceglierebbe di non pagarle. Forse gli anarchici, ma sono troppo poco informato per argomentare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...