Analfabetismo digitale…

Uno spunto di discussione…

Una volta si diceva che per non essere definiti analfabeti bastava saper “leggere, scrivere e far di conto” (http://it.wikipedia.org/wiki/Analfabetismo).

Certo, è una definizione minimale, essenziale, lessicale. Vogliamo estenderla un pochino? Vogliamo dire che esiste un insieme di cose che vanno conosciute per potersi muovere nel mondo?

Non mi riferisco alle “tre I” su cui punta il nostro governo da 10 anni a questa parte (ma voi ve ne siete accorti!?!?): impresa, inglese, internet. Mi basta un livello pragmatico, più basso, più legato alle cose di tutti i giorni.

Vorrei farvi ridere… sapete tutti:

  • Come si apre una porta?
  • Come si prende un mezzo pubblico?
  • Come si spedisce una lettera/telegramma/fax?
  • Dove ci si rivolge per comprare una medicina?
  • Come si compone un numero telefonico?
  • Come si cambia canale su una TV?
  • Come si legge l’ora?
  • Cos’è e come si guida un’automobile?
  • Come si accende il forno a microonde?
  • Come si imposta la sveglia?
  • Dov’è il nord?
  • Come si accende il riscaldamento?
  • Cos’è e come si manda un SMS?
  • Come prendere una bibita al distributore automatico?

Alcune sono ovvie e ridicole e spero ne abbiate sorriso, altre un po’ meno. Queste abilità sono più o meno legate ad un periodo storico, certo, ma la cosa che le accomuna tutte è il fatto che non possederle implica un handicap più o meno pesante.

Cosa pensereste di una persona che non sa… aprire una porta? Le porte ormai fanno integralmente parte della nostra vita, chi non le sa usare è tagliato fuori, è anacronistico.

Vengo al punto. Qual è lo “strumento” della vita quotidiana che più ci influenza, più pervasivo e forse anche più nascosto? L’informazione (e il suo trattamento automatico), cioè l’informatica.

Oggi come oggi rifiutarsi di conoscere almeno un insieme minimo di concetti legati all’informatica è come rifiutarsi di imparare a leggere (o ad aprire le porte).

Non sto proponendo che tutti noi si debba avere l’ECDL (http://it.wikipedia.org/wiki/ECDL), ci mancherebbe (anche perchè avrei da disquisire sulla struttura e sui contenuti dell’ECDL stessa), ma mi e vi domando come si fa a vivere senza:

  • sapere cos’è un file o una directory!?
  • sapere cos’è un formato di file!?
  • sapere la differenza fra un programma e un sistema operativo!?
  • sapere cos’è una licenza d’uso!?
  • sapere la differenza fra un indirizzo web e un indirizzo email!?
  • sapere cos’è un motore di ricerca!?

Accetto volentieri di discutere su quale debba essere l’insieme di concetti da sapere (minimo: i sopra elencati, massimo: infinito), ma il livello di necessità (nel senso di condizione necessaria sebbene non sufficiente) è pari a quello del saper aprire una porta: http://it.wikipedia.org/wiki/Analfabetismo_informatico

Annunci

Informazioni su Andrea Trentini

http://atrent.it
Questa voce è stata pubblicata in Analfabetismo, Metafore, Spunti e Stimoli. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Analfabetismo digitale…

  1. Marco Lazzaari ha detto:

    Sapere che c’è Web e Internet non sono la stessa cosa?

  2. Pingback: Spot yourself | TecnoCivismo @ criticalminds.eu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...